RunnersItalia
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
CIAO
CHI SA CHI LO SA? - Pagina 2 Agif_r16
Ultimi argomenti
» L'allenamento del giorno.
Da differentgear Lun 16 Gen 2017, 07:14

» Buongiorno!!!
Da differentgear Ven 13 Gen 2017, 08:09

» Oggi ho comprato per correre...
Da pelle Gio 12 Gen 2017, 22:19

» Il pensierino del giorno
Da differentgear Gio 12 Gen 2017, 10:40

» opinione su mia "storia" e consiglio scarpe iperpronazione
Da hopfield Lun 09 Gen 2017, 22:30

» Che libro stai leggendo?
Da zivago Mar 03 Gen 2017, 08:40

» Classifica Forrest Gump 2016
Da zivago Lun 02 Gen 2017, 14:01

» Il meteo
Da rikchecorre Ven 30 Dic 2016, 23:24

» Come ci alleniamo adesso?
Da castoro Gio 29 Dic 2016, 17:55

» Allenamenti Castoro
Da differentgear Mer 28 Dic 2016, 08:48

» Buon Natale 2016
Da differentgear Mar 27 Dic 2016, 14:03

» Tanti auguri
Da rikchecorre Mar 20 Dic 2016, 15:58

» Ritorno al nuoto
Da differentgear Mar 20 Dic 2016, 09:15

» L'Arte nella Corsa
Da Lyroy Lun 19 Dic 2016, 18:01

» La gara del giorno
Da castoro Lun 19 Dic 2016, 06:28

» Oggi mi sento...
Da differentgear Ven 16 Dic 2016, 10:56

» Oxeego Stivo On The Rock Sky Marathon 35 k 2500 D+ 13.11.2016
Da differentgear Gio 15 Dic 2016, 08:35

» Musica, Video, Cinema !
Da differentgear Gio 08 Dic 2016, 21:40

» MALEDIZIONI bonarie e BENEDIZIONI prudenti.
Da differentgear Mar 29 Nov 2016, 08:11

» Con questo freddo: fase di riscaldamento!!!
Da differentgear Gio 24 Nov 2016, 15:14

Visite

CHI SA CHI LO SA?

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

CHI SA CHI LO SA? - Pagina 2 Empty Re: CHI SA CHI LO SA?

Messaggio Da zivago il Gio 30 Ott 2014, 13:13

rikchecorre ha scritto:Caro Zivago, noto però una leggera contraddizione in quello che dici...
Ciao rik,
hai ragione, rileggendomi noto la contraddizione.
Cerco quindi di spiegarmi meglio. Quando affermavo che corriamo «per far vedere quanto siamo forti e belli» , intendevo dire che siamo fieri di mostrare la nostra prestanza fisica, l'avvenenza, l'aspetto gagliardo e aitante. Come poi veniamo visti dagli altri è un altro discorso.

A proposito di immagine e su come veniamo osservati...
Il caso vuole che, proprio ieri sera, ho iniziato la lettura di: “PERCHE' CORRIAMO?” di Roberto Weber. Si tratta di un libricino di riflessioni autobiografiche sul senso e le motivazioni profonde che ci spingono a correre.
Nelle prime pagine del libro, Weber si sofferma su come appare, visto da vicino, l'atleta che corre le lunghe distanze. Ti riporto alcuni passaggi:

“[...seguivo con lo sguardo la promessa locale Tommasini (negli anni giovanili sarà a lungo il rivale di Franco Fava) […] Stava correndo una gara di testa, molto veloce. Andava via raso sulla pista senza spingere apparentemente, come se fosse in un suo misterioso corridoio e un vento lo trascinasse leggero. Un cerbiatto delicato, dal passo fluido e aggraziato. […] alla fine della fatica mi infilai nel prato per vederlo da vicino […] La grazia l'aveva abbandonato lasciando un ragazzino denutrito che infilava i pantaloni della tuta su un paio di gambette bianche e storte imperlate di sudore. Un reticolo di vene affiorava dalla muscolatura magra, le braccine erano quelle di un dodicenne, il torace incassato. Veniva voglia di ricoprirlo ma non riuscivo a immaginare dei vestiti adeguati a quel pallido pipistrello.”

“Era una fredda giornata di febbraio e fra due ali di folla un uomo di spettrale magrezza guadava un pezzo di campagna piena di dossi e mucchi di terra gelata. A vederlo passare veniva quasi da temere che le lunghe gambe scheletriche potessero staccarsi dalle anche. Lo stomaco era una cavità che si attorcigliava sotto la magra gabbia toracica, il cranio una noce rinsecchita schiacciata dal cielo pumbleo di Lombardia. Sembrava un povero essere, un «mussulmano», uno di quei prigionieri dei Lager giunti all'ultimo stadio della sopravvivenza di cui raccontava Levi. Era il grande campione Franco Arese, all'arrivo della «Cinque Mulini» ".


Il libro parla anche di molti altri aspetti del correre. Per ora, ho letto solo una quarantina delle 113 pagine, ma devo dire che, più vado avanti, più diventa interessante: lo consiglio a tutti.
Quando lo avrò terminato e “digerito”, forse metterò una piccola recensione nella discussione “READ & RUN”.

Ciao a tutti.
zivago
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 65
Località : Brianza

Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.