CIAO
EAT TO RUN (o viceversa) Agif_r16
Ultimi argomenti
» L'allenamento del giorno.
Da differentgear Lun 16 Gen 2017, 07:14

» Buongiorno!!!
Da differentgear Ven 13 Gen 2017, 08:09

» Oggi ho comprato per correre...
Da pelle Gio 12 Gen 2017, 22:19

» Il pensierino del giorno
Da differentgear Gio 12 Gen 2017, 10:40

» opinione su mia "storia" e consiglio scarpe iperpronazione
Da hopfield Lun 09 Gen 2017, 22:30

» Che libro stai leggendo?
Da zivago Mar 03 Gen 2017, 08:40

» Classifica Forrest Gump 2016
Da zivago Lun 02 Gen 2017, 14:01

» Il meteo
Da rikchecorre Ven 30 Dic 2016, 23:24

» Come ci alleniamo adesso?
Da castoro Gio 29 Dic 2016, 17:55

» Allenamenti Castoro
Da differentgear Mer 28 Dic 2016, 08:48

» Buon Natale 2016
Da differentgear Mar 27 Dic 2016, 14:03

» Tanti auguri
Da rikchecorre Mar 20 Dic 2016, 15:58

» Ritorno al nuoto
Da differentgear Mar 20 Dic 2016, 09:15

» L'Arte nella Corsa
Da Lyroy Lun 19 Dic 2016, 18:01

» La gara del giorno
Da castoro Lun 19 Dic 2016, 06:28

» Oggi mi sento...
Da differentgear Ven 16 Dic 2016, 10:56

» Oxeego Stivo On The Rock Sky Marathon 35 k 2500 D+ 13.11.2016
Da differentgear Gio 15 Dic 2016, 08:35

» Musica, Video, Cinema !
Da differentgear Gio 08 Dic 2016, 21:40

» MALEDIZIONI bonarie e BENEDIZIONI prudenti.
Da differentgear Mar 29 Nov 2016, 08:11

» Con questo freddo: fase di riscaldamento!!!
Da differentgear Gio 24 Nov 2016, 15:14

Visite

EAT TO RUN (o viceversa)

Pagina 1 di 10 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da zivago il Mar 09 Set 2014, 18:33

Salute a tutti,

è opportuna un'ennesima discussione sull'alimentazione di chi pratica il running?
Sono consapevole che in proposito sulla rete si possono già trovare un sacco di tabelle, diete, indicazioni e consigli e che quindi sarebbe difficile aggiungere altro. So pure che già altre discussioni sulla sana ed equilibrata alimentazione sono state aperte in questo forum.
Quello che però potrebbe essere interessante è raccontare qui:
LE NOSTRE PERSONALI STORIE DI CONSUETUDINI ALIMENTARI
CON SIMPATICI ANEDDOTI SUL COME, COSA E QUANTO MANGIAMO.

Per esempio sarebbe bello: descrivere la tipica composizione dei propri piatti quotidiani; suggerire le ricette che meglio ci hanno fatto correre; riportare modalità e orari dei nostri pasti; riferire usi alimentari locali o di tradizioni tramandate; indicare dove reperire ingredienti particolari; valutare i prezzi; proporre buone occasioni o segnalare fregature, evidenziare le eccellenze o le sofisticazioni; svelare trucchi e malizie per le preparazioni home-made,  ect. .

Per ora, per non farla troppo lunga, comincio io descrivendovi la mia 1a colazione.

Se vado a correre prendo la 1a colazione SOLO DOPO IL RIENTRO e la doccia; prima bevo solitamente o un caffè da Moka o una tazza di tè verde, l'uno o l'altro con un cucchiaino di miele.
Sia che vado o non vado a correre, la mia colazione tipo è composta da:
- scodellona da ½ litro composta di metà acqua e metà latte parzialmente scremato con aggiunta di abbondante cacao amaro
- nella tazza aggiungo una manciata di bastoncini di crusca e 1½-2  panini di pane bianco avanzato, secco o tostato
- una fetta biscottata integrale con sopra almeno un dito di confettura di albicocche (prendo quella che il super-market da in miglior offerta)
- un frutto di stagione
- un vasetto da 150 ml di yogurt bianco home-made preparato con latte intero

Ho calcolato che questa colazione mi costa 0,6-0,7 € .
Per ora mi fermo qui. Ciao a tutti.

P.S.  Non potrei mai fare la 1a colazione senza avere davanti un buon libro da leggere. Preferisco i vecchi libri (presi in biblioteca) un po consunti che, proprio per questo, sono in genere i più belli e hanno anche il vantaggio di rimanere bene aperti davanti alla scodella.
zivago
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 64
Località : Brianza

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da castoro il Mer 10 Set 2014, 05:32

personalmente non faccio "testo", mangio sempre male e tanto, quindi non sono post che mi si addicono molto ...
Smile

_________________
PB 10km (ott. 2011): 43'14"
PB Mezza (25/04/2014): 1h37'45"
PB 30km (ott 2011): 2h25'29"
PB Maratona (04/05/2014) 3h39'22"
PB 50km (18/01/2015): 5h12'36"
PB 58km (mar 2013): 6h23'01
100km del Passatore 2013: 17h47'05"
----------------
Ciao Paolo
castoro
castoro
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 10429
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 46
Località : Infernetto - Roma

http://www.robertotiberi.it/

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da -francesco- il Mer 10 Set 2014, 11:37

Per me la colazione è sempre PRIMA di andare a correre (mi devo svegliare) e consiste di 4 biscotti che inzuppo in un tazzone di caffè con il latte precedentemente montato in modo da fargli fare una schiuma esagerata. Puntina di miele per dolcificare il tutto.
Mai avuto problemi a digerirla, neppure con le ripetute "sparate" dopo 20 minuti dall'ultimo sorso di caffellatte.
-francesco-
-francesco-
Forrest Gump
Forrest Gump

Messaggi : 1421
Data d'iscrizione : 12.04.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Manu1977 il Mer 10 Set 2014, 11:53

castoro ha scritto:personalmente non faccio "testo", mangio sempre male e tanto, quindi non sono post che mi si addicono molto ...
Smile

Siamo proprio della stessa razza, forse è per questo che siamo più di 80kg! Very Happy
Manu1977
Manu1977
Corsa Veloce
Corsa Veloce

Messaggi : 351
Data d'iscrizione : 02.07.14
Età : 42
Località : Castiglione delle Stiviere

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da differentgear il Mer 10 Set 2014, 12:24

Io se corro colaziono con latte di soia e 5 biscotti vegan, dopo la corsa. A pranzo pasta al pomodoro e legumi e a cena verdura cotta o seitan e pane possibilmente di segale o integrale.
Se non corro l'unica cosa che cambia sono i biscotti che passano a 3.
Il latte di soia che compro un litro costa 0,99 centesimi e i biscotti un pacchetto costa 2,37 euro e non so quanti ce ne sono ma ci faccio parecchie colazioni.
differentgear
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 49
Località : Trento

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da zivago il Mer 10 Set 2014, 14:27

Ciao differentgear
innanzitutto ti faccio gli auguri per una rapida e indolore guarigione.
Poi...
differentgear ha scritto:...colaziono con latte di soia...
A proposito di "latte di soia".
Dappertutto ne sento parlare bene. Io lo consumo raramente; invece mia moglie, che ha la fobia da colesterolo, ne fa largo uso.
Io, che sono un vegeteriano spurio con ambizioni vegane, vorrei convertirmi al latte vegetale ma ho alcune perplessità che mi frenano. Forse voi me le chiarirete.

Il "latte di soia" che consumiamo noi è il Soia Drink "Land" dell'Eurospin che ci costa 1,10€/L.
La prima perplessità è sulla definizione. Perchè "bevanda drink" e non latte? È alimento o bibita?
Poi sono andato a leggere gli ingredienti e trovo:
-acqua
-semi di soia (8,2%)
-zucchero di canna grezzo
-sale marino
-aromi naturali
-mono-e-digliceridi degli acidi grassi


in pratica è quasi tutta acqua alla quale aggiungono poca soia, dello zucchero e persino dei grassi artificiali.
Con questa composizione è da considerarsi un prodotto più salutare del latte vaccino?
Altra perplessità: si fa un gran parlare di coltivazioni transgeniche e, a detta di molti, quasi la totalità della soia deriva da semi geneticamente modificati.
E poi, come e dove è cresciuta la soia? Le colture come vengono concimate, diserbate, disinfestate, ecc. ecc. ?
Certo si può dire che pure il foraggio delle vacche avrà gli stessi problemi ma, mi domando: il latte vegetale può essere veramente, come tanti sostengono, tanto più sano?
Infine devo dire che, considerando gli ingredienti della "bevanda drink", il prezzo di vendita è veramente sproporzionato.

Un saluto a tutti.
zivago
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 64
Località : Brianza

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da simpep il Mer 10 Set 2014, 15:07

Non sono molto stabile. Ogni tanto modifico qualcosa.

Questo è il periodo di:
- - - - - - - - - - - - - -
- Una tazza di caffè
- 250 g. di latte intero
- 3 fette biscottate spalmate di :
- marmellata di mele (o pere) fatta da me con poco zucchero aggiunto (10-15% del peso della frutta sbucciata).
- 3 cucchiai di yogurt casalingo prodotto con il latte intero della Land e fermenti liofilizzati.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Quello che però mi infastidisce è che in casa ci sia la tendenza all'uso di:
- caffè decaffeinato
- latte delattizzato
- marmellata demarmellizzata
- pane depanizzato
- biscotti debiscottizzati
e via avanti cosi fino ad arrivare all'acqua deacquizzata. Very Happy
Io, queste le considero costose e per niente salutistiche manie !

EAT TO RUN (o viceversa) 3524214560

_________________
......La mia vita non la misuro da quanti respiri faccio, ma dai momenti che mi tolgono il respiro......
simpep
simpep
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 3562
Data d'iscrizione : 28.12.13
Età : 69
Località : Monserrato (Cagliari)

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da differentgear il Mer 10 Set 2014, 15:48

Grazie Zivago ... il mio non ricordo la marca appena mi alzo la guardo e ve la scrivo. Comunque contiene acqua, soia prodotta in italia 7,6% e sale e lo prendo alla Lidl. Fine. Non ho idea del perchè lo chiamino bevanda ma non può essere perchè non è pastorizzato??? La soia deve essere assolutamente consumata bio altrimenti si rischia comunque di "finire nel transgenico". Anche se comunque dicono che è difficile evitarlo perchè è difficilissimo tracciare tutti i quintali di soia di diverse provenienze che mettono nei prodotti a base di soia.
E' dura dire cosa è più sano e cosa inquina meno suppongo ... io sono più per la parte etica della cosa nel senso che la mucca produce latte per il proprio cucciolo. Ho visto dei video della fine che fanno i cuccioli strappati dalla mamma appena nati perchè questa faccia latte. Considera che una mucca vivrebbe 30 anni ma le "mucche da latte" a forza di sfornare cuccioli, che poi vengono sgozzati appena nati, durano 6 anni. Poi ritengo sia più leggero. Io ho la soyabella e spesso mi faccio il latte di riso e il latte di avena che così so cosa ci metto.
Per il sano sicuramente è dura ... i fertilizzanti, gli antiparassitari ... e chi più ne ha più ne metta non saprei se sono così sani.
Per l'etica sicuramente i grandi produttori/commercianti venderebbero la madre e un misero animale può venire maltrattato per i soldi.
Sicuramente con la scusa che sono fanno bene alla salute si permettono di tenere prezzi che altrimenti non avrebbero.

Ahaha Simone Smile hai ragione ... ti quoto!!!
differentgear
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 49
Località : Trento

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Federoca il Mer 10 Set 2014, 16:51

Colazione per me:
Tazzona di latte di soia, due cucchiai di cereali (quelli della Grancereale classici) e 5/6 biscotti. In alternativa 4 fette biscottate con miele o marmellata.
Per finire un bel bicchiere di spremuta di arancia con il mio integratore di ferro visto che due mesi fa avevo la ferritina sotto ai piedi.

Comunque, da 2 settimane a questa parte mi sono messa in testa di mangiare bene. Ho aumentato le quantità rispetto alla dieta che cercavo disperatamente di fare prima, mangio pasta, un piccolo secondo, una fetta di pane e verdura a pranzo, un secondo con verdure e pane per cena. Spuntino del mattino frutta e yogurt, spuntino del pomeriggio banana (e barrettona energica nei giorni in cui corro).
Così facendo ho aumentato davvero tanto le mie prestazioni in corsa, non sento più la fame e non mi vengono quegli attacchi di fame serali che mi facevano mangiare ogni tipo di schifezza senza controllo. Ed ho pure perso i chiletti accumulati nell' ultimo periodo!

_________________
"La verità è che nessuno ti regala niente, che devi sempre lavorare duro"
P.B.
10,000 km. 49.51 (Campegine 2012)
21,097 km. 1.51.00 (Formigine 2015)
42,195 km. 4.18.57 (Collemar-athon 2013)
100 km. 14.08.21 (Passatore 2015)
Federoca
Federoca
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 4853
Data d'iscrizione : 20.03.13
Età : 38
Località : Divisa corpo e cuore tra Parma e Reggio Emilia

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Manu1977 il Mer 10 Set 2014, 17:09

Scusa differentgear ma quella dello sgozzamento è da prendere con le pinze. Il mio collega, che è a fianco a me, ha una grossa azienda agricola e ti assicuro che non sgozza vitelli appena nati.
Idem mio cognato, avrà 200 capi e non sgozza nulla.
Se li sgozzi, chi diventerebbe mucca da latte o vitello da carne? Chi mangia carne insipida di un vitello appena nato? Io non sono amante della carne, che oltretutto mi provoca fastidi intestinali e quindi la evito, quindi il mio discorso non è in favore degli onnivori.
Il discorso bio è un altro di quelli che chi è da prendere con le pinze. Io abito in campagna, in provincia di mantova, ci sono un sacco di coltivazioni bio, peccato che a fianco ci siano le tradizionali e quindi tutto si contamina.
Pensa, visto che sei di trento, sul mio percorso di allenamento, persone provenienti dalla val venosta, hanno affittato un sacco di terreni per produrre.......MELINDA che verrà venduta come cresciuta in trentino.
Io sinceramente non so più cosa pensare quando mangio qualcosa!
Manu1977
Manu1977
Corsa Veloce
Corsa Veloce

Messaggi : 351
Data d'iscrizione : 02.07.14
Età : 42
Località : Castiglione delle Stiviere

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da zivago il Mer 10 Set 2014, 17:42

differentgear ha scritto:...io sono più per la parte etica...
Io, l'ho già detto, sono un semi-vegetariano. Propriamente pratico del latto-ovo-vegetarianismo da una decina d'anni.
Inizialmente la mia è stata una scelta salutistica poi, col tempo ho maturato anche quella che tu chiami “la parte etica “.
Oggi non nego di vivere una contraddizione: da un lato sono consapevole di quanto il moderno allevamento intensivo faccia soffrire gli animali; dall'altro continuo a rimanere in mezzo al guado perché temo che un passaggio troppo brusco ad un regime alimentare strettamente vegano possa essermi dannoso. Non temo solo per la mia salute ma anche, non avendo al momento nessuna copertura previdenziale, per i problemi che causerei alla mia famiglia qualora mi ammalassi.
Insomma, tento di arrivare gradualmente e senza traumi ad un sano vegetarianismo.
Percorrendo questa strada mi ha molto incoraggiato anche una recente lettura della biografia di Gandhi. Riporto una frase del mahatma che mi sono annotato:
“Più una creatura è indifesa, più ha diritto ad essere protetta dall’uomo dalla crudeltà degli altri uomini.”

P.S.  In quanto al running il mio mito (anche per affinità anagrafiche) è Marco Olmo, Campione del Mondo dell'ultratrail: anche lui un latto-ovo-vegetariano.
zivago
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 64
Località : Brianza

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da differentgear il Mer 10 Set 2014, 17:48

Bah anche alle iene han fatto vedere alquante scene di come trattano gli animali da macello. Non credo sia una cosa così rara. Mah il vitello è carne pregiata ... la paghi anche parecchio e comunque i formaggi doc e dop sono fatti col caglio animale che è prelevato dallo stomaco di vitelli o ovini lattanti e dubito vivano dopo. Che cosa poi ci facciano io non lo so e non voglio manco vederlo Smile ehehe
I vitelli maschi non diventano mucche da latte quindi non servono. Come i pulcini maschi ma questo è un altro discorso e i video di quello li aveva pubblicati anche Grillo sul suo blog a denuncia.
Io rispetto le idee di tutti ... onnivori e non ... il discorso che faccio vale per me perchè è una mia scelta ed un mio pensiero. Mio marito e mia figlia sono onnivori e cucino per loro.
So che il bio è trattato come il normale appunto per queste coltivazioni vicine a quelle tradizionali, io parlavo di bio in merito alla soia che altrimenti è OGM. E cmq la soia dicano sia alquanto pericolosa lo stesso.
Per le mele per fortuna non ne mangio Smile ahhaha no dai sicuramente non mangi più se guardi come tutto è fatto e l'ho scritto anche sopra praticamente Smile
differentgear
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 49
Località : Trento

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da differentgear il Mer 10 Set 2014, 18:00

[quote="zivago"]
differentgear ha scritto:...io sono più per la parte etica...
Io, l'ho già detto, sono un semi-vegetariano. Propriamente pratico del latto-ovo-vegetarianismo da una decina d'anni.
Inizialmente la mia è stata una scelta salutistica poi, col tempo ho maturato anche quella che tu chiami “la parte etica “.
Oggi non nego di vivere una contraddizione: da un lato sono consapevole di quanto il moderno allevamento intensivo faccia soffrire gli animali; dall'altro continuo a rimanere in mezzo al guado perché temo che un passaggio troppo brusco ad un regime alimentare strettamente vegano possa essermi dannoso. Non temo solo per la mia salute ma anche, non avendo al momento nessuna copertura previdenziale, per i problemi che causerei alla mia famiglia qualora mi ammalassi.
Insomma, tento di arrivare gradualmente e senza traumi ad un sano vegetarianismo.
Percorrendo questa strada mi ha molto incoraggiato anche una recente lettura della biografia di Gandhi. Riporto una frase del mahatma che mi sono annotato:
“Più una creatura è indifesa, più ha diritto ad essere protetta dall’uomo dalla crudeltà degli altri uomini.”

P.S.  In quanto al running il mio mito (anche per affinità anagrafiche) è Marco Olmo, Campione del Mondo dell'ultratrail: anche lui un latto-ovo-vegetariano.[/quota]

Da che mondo è mondo l'essere umano ha sempre cacciato e la catena alimentare è quella. Che che ne dicano che abbiamo la dentatura da erbivori e non da carnivori. Quello che è sbagliato è il consumismo quello che ti fa leggere delle mozzarelle che diventano blu, che ti fondono il formaggio avariato e te ne fanno sottilette o formaggini ... che poi dai ai bambini anche. O vedi al supermercato che senza nascondersi tanto tolgono la pellicola trasparente dalla carne e stampano un nuovo "data di confezionamento" quando gli conviene che sia stata confezionata molto dopo a quello che lo è stata in realtà. Questo mi da fastidio ... poi io ho le mie idee vegane ma questo è un percorso mio.
Manca solo il rispetto ... un pò come quando in estate sotto il sole cocente vedi camion di maiali stipati in piccole "celle" ... la tortura non vuol dire "nutrimento".
Non so se possa essere dannoso un cambiamento repentino di alimentazione. Ho parlato anche col mio dietologo che lui è a favore della carne ma siccome lo conosco da una vita e di lui mi fido gli ho chiesto se mi faceva una dieta vegana e mel'ha fatta. Lui dice che ne sappiamo troppo poco di alimentazione e cosa è vero e cosa è falso è difficile stabilirlo.
Io sono dell'idea che nella vita ognuno fa il suo percorso e ognuno di noi deve rispettare gli altri. Sicuramente se fossimo tutti uguali e facessimo le stesse scelte sarebbe un mondo noioso.
Molto bella quella frase di Gandhi e un grande Marco Olmo Smile
differentgear
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 49
Località : Trento

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da zivago il Mer 10 Set 2014, 18:44

simpep ha scritto:Quello che però mi infastidisce è che in casa ci sia la tendenza all'uso di...
Ciao simpep,
come ti capisco!

Mio figlio, laureato in scienze infermieristiche, praticamente non mangia quasi mai frutta fresca.
Io gli dico: « Tu sai che ci vogliono anche le vitamine? » .
Lui risponde: « Nema problema papà! Bevo già succhi di frutta e spremute. »
Infatti il nostro frigorifero è pieno di brick con succhi e spremute varie, tutti integrati con ogni tipo di vitamine.
Inoltre abbiamo in casa anche biscotti, fette biscottate, fiocchi di cereali, yogurt e quant'altro, anch'essi con tante vitamine o sali minerali aggiunti.
Non basta per una sana e corretta alimentazione?
Niente paura, ci sono sempre gli integratori multi-vitaminici-minerali in pastiglia, in bustina, in barretta, in gel, nei beveroni, etc. . Questi però è meglio comperarli in farmacia; lì sono un pò più cari, è vero, ma vuoi mettere!!
Ci sono pillole contro l'affaticamento; per una migliore concentrazione e lo studio; per mantenere bella e giovane la pelle; quelle per gli occhi, per i capelli, per le unghie; per giovani atletici e per gli sportivi di mezz'età; per uomini e per donne; per la menopausa o l'andropausa; per gli anziani; ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. …....................................
Insomma non preoccupiamoci c'è una pillola per tutto! Ascoltate questa:
https://www.youtube.com/watch?v=s7ADK6VC2fw

P.S.  Ah! Dimenticavo la più bella.
Si sa che l'acqua ingrassa. Vero!!?? Se quindi avete dei problemi di linea, se volete snellire il girovita, non bevete della normale acqua di fonte; per dimagrire comprate quella tal acqua che...rende la vitasnella (sic!).

Ciao a tutti.
zivago
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 64
Località : Brianza

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da -veljko- il Mer 10 Set 2014, 19:47

la mia colazione è variata parecchio nel corso degli anni. da quando corro in maniera più "seria" è questa:

spremuta di arancia
yogurt senza grassi (125gr se non corro, 175gr se mi sono allenato)
fette biscottate (2 se non corro, 3/4 se mi sono allenato) con marmellata senza zucchero (solitamente quella della Rigoni)
caffè

a metà mattina frutta e qualche mandorla

a pranzo cerco di andare in un posto dove mi faccio un'insalatona con patate bollite, rucola, pomodori, ceci, polipo e totani. se mi sono allenato mangio anche del pane

a metà pomeriggio ancora frutta e mandorle

alla sera un secondo con contorno
una o due sere a settimana pizza

di solito nel weekend mangio di più, soprattutto alla domenica a pranzo, dove mangio pasta o risotto e spesso come antipasto c'è qualcosa tipo insalata russa, salame, pomodorini sott'olio, insomma tutte queste schifezze...

sono in lotta continua contro il mio istinto che mi farebbe mangiare, soprattutto alla sera, tutto quello che di commestibile trovo in casa. sono un mangiatore folle e per consentirmi qualche sgrarro un paio di volte a settimana mi tocca soffrire nei restanti giorni...
-veljko-
-veljko-
Forrest Gump
Forrest Gump

Messaggi : 1137
Data d'iscrizione : 20.03.13
Età : 50
Località : quarona - valsesia

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da simpep il Mer 10 Set 2014, 20:11

.
Di sera è consigliabile rimanere "leggeri".
Piccole porzioni e cibo ad alta digeribilità !  Very Happy

EAT TO RUN (o viceversa) Abbuff10

_________________
......La mia vita non la misuro da quanti respiri faccio, ma dai momenti che mi tolgono il respiro......
simpep
simpep
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 3562
Data d'iscrizione : 28.12.13
Età : 69
Località : Monserrato (Cagliari)

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Violetta il Gio 11 Set 2014, 07:49

Manu1977 ha scritto:
Se li sgozzi, chi diventerebbe mucca da latte o vitello da carne? Chi mangia carne insipida di un vitello appena nato?

Solitamente i vitelli maschi vengono macellati entro il primo anno di vita, tranne qualcuno che lo lasciano crescere per permettere la riproduzione.
Le femmine invece sono destinate a diventare vacche da latte.
I vitelli come gli agnelli sono carne molto tenera e a quanto ne so piace parecchio!
Violetta
Violetta
Run like a Pink
Run like a Pink

Messaggi : 1569
Data d'iscrizione : 17.03.13
Età : 33

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Violetta il Gio 11 Set 2014, 07:58

zivago ha scritto: temo che un passaggio troppo brusco ad un regime alimentare strettamente vegano possa essermi dannoso. Non temo solo per la mia salute ma anche, non avendo al momento nessuna copertura previdenziale, per i problemi che causerei alla mia famiglia qualora mi ammalassi.

Zivago, l'alimentazione vegana, se seguita nel modo giusto e non improvvisata alla caxxo, è sana e completa e assolutamente non porta a nessuna malattia.
Tanti la intendono come ridursi a mangiare solo insalata e questo chiaramente, oltre a essere completamente falso, è sbagliato e rischioso per la salute.
Io sono vegetariana da 15 anni e vegana da 8, son sempre piena di energie e non mi ammalo mai, nemmeno una semplice influenza.
Sono solo pentita di non esserlo diventata prima, ma venendo da una famiglia carnivora al 100% è già stata una dura battaglia andare contro tutti a 13 anni, litigate su litigate, ma alla fine ne è valsa davvero la pena Wink
Violetta
Violetta
Run like a Pink
Run like a Pink

Messaggi : 1569
Data d'iscrizione : 17.03.13
Età : 33

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Manu1977 il Gio 11 Set 2014, 08:18

Violetta ha scritto:
Manu1977 ha scritto:
Se li sgozzi, chi diventerebbe mucca da latte o vitello da carne? Chi mangia carne insipida di un vitello appena nato?

Solitamente i vitelli maschi vengono macellati entro il primo anno di vita, tranne qualcuno che lo lasciano crescere per permettere la riproduzione.
Le femmine invece sono destinate a diventare vacche da latte.
I vitelli come gli agnelli sono carne molto tenera e a quanto ne so piace parecchio!

Chiaro che vengono uccisi entro il primo anno di vita, che vuol dire un peso oltre i 300kg, ma non appena usciti dalla panza.
Non fraintendetemi, ognuno fa quello che vuole, e come ripeto, io non mangio quasi mai carne, ma spesso ci fanno vedere che qualcuno sgozza un vitellino appena nato, e si pensa che la regola sia quella.
Il consumismo purtroppo si basa su questa ruota crudele per noi, ma assolutamente radicata ed accettata nella maggior parte delle persone.
Chiudiamo questa parentesi, che ho aperto senza pensare alle cause, visto che l'argomento del cibo era molto interessante.
Manu1977
Manu1977
Corsa Veloce
Corsa Veloce

Messaggi : 351
Data d'iscrizione : 02.07.14
Età : 42
Località : Castiglione delle Stiviere

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Manu1977 il Gio 11 Set 2014, 08:29

Violetta ha scritto:
Manu1977 ha scritto:
Se li sgozzi, chi diventerebbe mucca da latte o vitello da carne? Chi mangia carne insipida di un vitello appena nato?

Solitamente i vitelli maschi vengono macellati entro il primo anno di vita, tranne qualcuno che lo lasciano crescere per permettere la riproduzione.
Le femmine invece sono destinate a diventare vacche da latte.
I vitelli come gli agnelli sono carne molto tenera e a quanto ne so piace parecchio!

Chiaro che vengono uccisi entro il primo anno di vita, che vuol dire un peso oltre i 300kg, ma non appena usciti dalla panza.
Non fraintendetemi, ognuno fa quello che vuole, e come ripeto, io non mangio quasi mai carne, ma spesso ci fanno vedere che qualcuno sgozza un vitellino appena nato, e si pensa che la regola sia quella.
Il consumismo purtroppo si basa su questa ruota crudele per noi, ma assolutamente radicata ed accettata nella maggior parte delle persone.
Chiudiamo questa parentesi, che ho aperto senza pensare alle cause, visto che l'argomento del cibo era molto interessante.
Manu1977
Manu1977
Corsa Veloce
Corsa Veloce

Messaggi : 351
Data d'iscrizione : 02.07.14
Età : 42
Località : Castiglione delle Stiviere

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Violetta il Gio 11 Set 2014, 08:47

Non c'era nessuna polemica, anzi, so benissimo che questo è un argomento molto delicato che può scatenare il finimondo (come successe su un altro forum), io sono per il "vivi e lascia vivere", ho fatto le mie scelte di vita, gli altri fanno le loro e va bene così, ho solo voluto fare un piccolo chiarimento, tutto qui Wink
Violetta
Violetta
Run like a Pink
Run like a Pink

Messaggi : 1569
Data d'iscrizione : 17.03.13
Età : 33

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Federoca il Gio 11 Set 2014, 09:20

Violetta ha scritto:io sono per il "vivi e lascia vivere", ho fatto le mie scelte di vita, gli altri fanno le loro e va bene così, ho solo voluto fare un piccolo chiarimento, tutto qui Wink

Concordo in pieno con te!! Very Happy

_________________
"La verità è che nessuno ti regala niente, che devi sempre lavorare duro"
P.B.
10,000 km. 49.51 (Campegine 2012)
21,097 km. 1.51.00 (Formigine 2015)
42,195 km. 4.18.57 (Collemar-athon 2013)
100 km. 14.08.21 (Passatore 2015)
Federoca
Federoca
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 4853
Data d'iscrizione : 20.03.13
Età : 38
Località : Divisa corpo e cuore tra Parma e Reggio Emilia

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da differentgear il Gio 11 Set 2014, 10:36

A me non sembrava una polemica ma uno scambio di opinioni fra persone che la pensano diversamente.
Idem come Violetta ... vivi e lascia vivere ... sicuro non sono la vegana che "detta legge" come non sono convinta che solo il mio punto di vista è giusto o voglio convincere gli altri a mangiare come me.
differentgear
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 49
Località : Trento

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da -francesco- il Gio 11 Set 2014, 10:56

C'è poco da fare: questo argomento tocca sempre nervi scoperti. Mi piacerebbe capirne le motivazioni.
Noto che tra i runner c'è un'altissima percentuale di persone con un attenzione particolare all'alimentazione. Questo si, quello no, colesterolo, grassi, proteine, cibi che non vanno mai mischiati ecc.
Credo che in parte questo interesse sia dovuto al fatto che alcuni runner si siano accostati alla corsa per dimagrire, perdere peso. Quindi probabilmente potevano avere avuto qualche (piccolo) problema con la loro dieta (intesa in senso di alimentazione quotidiana) personale. Correre li ha resi più magri, ma il ricordo di quando erano più in carne è sempre lì, a tormentarli. Ecco che il salutismo, a volte eccessivo permettetemi, altro non è che una sorta di disciplina morale....che viene seguita, spesso, con un fervore da fondamentalista religioso.

Personalmente, non avendo fortunatamente mai avuto problemi, me ne sono sempre fregato..non esagero di natura, ma mangio quello che voglio e sgarro quando mi pare. Corro anche per il gusto di potermi scofanare a (quasi) 44 anni primo-secondo-contorno- frutta e dolce senza particolari patemi. Ovviamente con un buon vinello/birra ad innaffiare il tutto!
-francesco-
-francesco-
Forrest Gump
Forrest Gump

Messaggi : 1421
Data d'iscrizione : 12.04.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Federoca il Gio 11 Set 2014, 11:05

Io sono vegetariana per motivi etici, la sono diventata molto prima di diventare sportiva. In quanto a schifezze, quelle purtroppo non mancano nel mio stomaco, a parte i periodi in cui mi decido di fare la brava!! Very Happy

_________________
"La verità è che nessuno ti regala niente, che devi sempre lavorare duro"
P.B.
10,000 km. 49.51 (Campegine 2012)
21,097 km. 1.51.00 (Formigine 2015)
42,195 km. 4.18.57 (Collemar-athon 2013)
100 km. 14.08.21 (Passatore 2015)
Federoca
Federoca
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 4853
Data d'iscrizione : 20.03.13
Età : 38
Località : Divisa corpo e cuore tra Parma e Reggio Emilia

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Manu1977 il Gio 11 Set 2014, 11:13

Infatti, io non me la sono presa per nulla e sono anche io per il vivi e lascia vivere.
Quella di francesco mi piace come considerazione, se avessi anch'io la fortuna di spazzolare quello che voglio senza ingrassare, lo farei.
Invece, per poter permettermi i fine settimana senza rinunce, anzi con eccessi sia culinari che alcolici Very Happy , devo stare attento durante la settimana.
Io durante la settimana, mangio praticamente solo frutta e verdura, se mangio la pasta mangio solo riso o mais, perchè ho fatto un test e sono intollerante alla farina di frumento anche se non lo elimino completamente per golosità, non bevo caffè e tè perchè altrimenti non dormo.
Prima della corsa non mangio assolutamente nulla!
Mi accorgo che il venerdì, dopo una settimana di alimentazione decente e magari con qualche chilo in meno, vado il doppio.
Io non so se è una cosa normale, ma il mio peso varia di 1 o 2 chili durante il giorno.
Manu1977
Manu1977
Corsa Veloce
Corsa Veloce

Messaggi : 351
Data d'iscrizione : 02.07.14
Età : 42
Località : Castiglione delle Stiviere

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da loris il Gio 11 Set 2014, 11:43

L'alimentazione ai podisti non serve solo per limare qualche chilo ma proprio per andare più veloce.
Un alimentazione sana aiuta le prestazioni, questo non vuol dire che bisogna stare perennemente a stecchetto e rinunciare a tutto anzi,io penso che un alimentazione corretta aiuta il fisico mentre qualche sgarro aiuta la mente Very Happy
loris
loris
Top Runner
Top Runner

Messaggi : 3389
Data d'iscrizione : 17.03.13
Età : 41
Località : Riolo Terme - Romagna

http://www.lamiacorsa.it

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da differentgear il Gio 11 Set 2014, 11:59

Magari potessi mangiare senza ingrassare Smile ehehee
Il mio dietologo dice che bisogna pesarsi una volta in settimana, appena alzati e dopo aver ... insomma essersi "liberati" perchè le oscillazioni di peso durante la giornata ci sono.
C'è stato un periodo che mi pesavo tutti i giorni ... adesso è da un pò che non mi peso.
differentgear
differentgear
Moderatrice Pink
Moderatrice Pink

Messaggi : 9649
Data d'iscrizione : 16.03.13
Età : 49
Località : Trento

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da zivago il Gio 11 Set 2014, 13:34

Violetta ha scritto:
zivago ha scritto: temo che un passaggio troppo brusco ad un regime alimentare strettamente vegano possa essermi dannoso. Non temo solo per la mia salute ma anche, non avendo al momento nessuna copertura previdenziale, per i problemi che causerei alla mia famiglia qualora mi ammalassi.

Zivago, l'alimentazione vegana, se seguita nel modo giusto e non improvvisata alla caxxo, è sana e completa e assolutamente non porta a nessuna malattia.
Tanti la intendono come ridursi a mangiare solo insalata e questo chiaramente, oltre a essere completamente falso, è sbagliato e rischioso per la salute.
Io sono vegetariana da 15 anni e vegana da 8, son sempre piena di energie e non mi ammalo mai, nemmeno una semplice influenza.
Sono solo pentita di non esserlo diventata prima, ma venendo da una famiglia carnivora al 100% è già stata una dura battaglia andare contro tutti a 13 anni, litigate su litigate, ma alla fine ne è valsa davvero la pena Wink

Ciao Violetta,
io sai sono ormai prossimo ai sessant'anni e a quest'età è più difficile adattarsi ai radicali cambiamenti.
A proposito di sgozzamenti: pensa che i miei nonni erano contadini ed io fin da bambino ho assistito a scannamenti dei maiali, alla decapitazione delle oche, allo strozzamento dei polli, allo squartamento dei conigli. Nella cultura contadina queste mattanze erano, non solo considerate normali, ma quasi gioiose. «Dai che domenica mangeremo la carne!! » dicevano i miei nonni.

Il fatto è che io esito a convertirmi completamente al vegano, anche per non creare problemi in famiglia.
Mia moglie e i miei figli già si preoccupano perché mi considerano troppo magro (1,93m x 80-81Kg); figuriamoci quando mi vedranno rinunciare anche a uova, latte e formaggi.
Ci sarebbero poi dei problemi organizzativi nell'approvvigionamento e nelle preparazioni dei pasti; io non vorrei interferire in cucina dove mia moglie è piuttosto gelosa delle sue prerogative.
Infine, non lo nascondo, pesano anche delle cosiderazioni economiche.
I cosiddetti alimenti vegan sono piuttosto cari. Cereali integrali, soja, latte, yogurt e formaggi vegetali, frutta secca, verdure e frutti freschi in quantità, alghe, semi esotici, olii speciali, tofu, seitan, tempeh, prodotti da erboresteria, integratori alimentari, etc. ; non hanno prezzi propriamente popolari.

Da questa discussione sarebbe molto interessante sapere, da chi ne ha fatto esperienza, come ha gestito o gestirebbe la transizione dal latto-ovo-vegetariano al vegano.
Ciao a tutti.

P.S.  Oltre alle considerazioni etico-animaliste che condivido, segnalo anche che la produzione di cibo animale ha un impatto ambientale ben maggiore di quello vegetale. In termini di energia, acqua, prodotti chimici, etc. , la produzione di carne consuma (ed inquina) molto più della produzione di cereali e legumi.
zivago
zivago
Piè Veloce
Piè Veloce

Messaggi : 858
Data d'iscrizione : 03.07.14
Età : 64
Località : Brianza

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da simpep il Gio 11 Set 2014, 15:29

Qualche numero sull'argomento cibo:

Litri di acqua complessivi necessari per produrre alcuni alimenti.
- 1 kg di carne di manzo in allevamento intensivo . . . . . 100.000 litri di acqua
- 1 kg di carne di manzo in allevamento estensivo . . . . . 200.000 litri di acqua
. . . . . .  Equivalente ai consumi domestici complessivi di una famiglia europea di 4 persone per 6 mesi
. . . . . .  o di una famiglia del Bangladesh di 4 persone per quasi 3 anni

- 1 kg di formaggio . . . . . . . . 5060 litri
- 1 kg di riso. . . . . . . . . . . . . 2500 litri
- 1 litro di latte . . . . . . . . . . .1020 litri
- 1 uovo . . . . . . . . . . . . . . . . 200 litri
- 1 kg di pomodori . . . . . . . . . 200 litri

Il 70% dell'acqua utilizzata sul pianeta è consumato per la zootecnia

affraid

_________________
......La mia vita non la misuro da quanti respiri faccio, ma dai momenti che mi tolgono il respiro......
simpep
simpep
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 3562
Data d'iscrizione : 28.12.13
Età : 69
Località : Monserrato (Cagliari)

Torna in alto Andare in basso

EAT TO RUN (o viceversa) Empty Re: EAT TO RUN (o viceversa)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 10 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum